Questo sito contribuisce alla audience di

canàrio

sm. [sec. XVII; dallo spagnolo canario].

1) Poco comune per canarino.

2) Danza spagnola di corteggiamento in voga nella seconda metà del Cinquecento, ispirata a una danza indigena delle Canarie in uso nel sec. XV. Decadde come danza nel Seicento ma sopravvisse nelle composizioni musicali di Purcell e Lulli.

3) Pesce marino della famiglia dei Serranidi, detto anche canario largo o castagnola rossa. Supera raramente i 20 cm; ha il corpo ovale molto compresso e la bocca ampia armata di denti sottili e acuminati. È una delle specie più graziose viventi nel Mediterraneo e nell'Atlantico orientale, dalla colorazione vivacissima, rosa brillante con fasce giallo oro. Le pinne sono molto sviluppate, specialmente la caudale e le ventrali, lunghissime, di color rosato dalle estremità gialle. Vive generalmente riunito in piccoli gruppi, nelle grotte presso la costa o a profondità maggiori di 30-40 m, in quanto preferisce gli ambienti poco illuminati. Simile a questo pesce è il canario rotondo (Callanthias ruber), che si distingue per il corpo più slanciato, le pinne ventrali più brevi e la caudale terminante in due lunghi filamenti. Vive generalmente su fondi fangosi a profondità maggiori di 150 m. È presente nell'Atlantico orientale e nel Mediterraneo ma è dovunque piuttosto raro.