Questo sito contribuisce alla audience di

cannèllo

sm. [sec. XIV; da canna].

1) Pezzo di canna tagliato tra due nodi; cannuccia.

2) Pezzo o segmento cilindrico, pieno o cavo, di qualsiasi materiale; tubetto: un cannello di liquirizia; il cannello della pipa; il cannello della penna, l'asticella; il cannello del termometro. In particolare, tubetto generalmente metallico riempito di polvere nera, di diametro tale da poter essere inserito nel focone di un pezzo di artiglieria ad avancarica per l'accensione della carica. Per estensione, qualsiasi tubetto contenente esplosivo innescante.

3) Apparecchio per saldatura nel quale viene realizzata la miscelazione di ossigeno e di un altro gas la cui combustione permette di ottenere temperature molto elevate "Vedi disegni vol. V, pag. 339" . "Per il cannello per saldatura ossiacetilenica vedi disegni al lemma del 5° volume." I gas combustibili più usati sono l'idrogeno e l'acetilene: nel primo caso il cannello è detto ossidrico, nel secondo ossiacetilenico; è possibile, ma meno usata, anche la combustione di metano e propano. Il cannello è costituito da due tubi metallici coassiali collegati a due condotti flessibili in cui fluiscono l'ossigeno e il gas combustibile. I tubi coassiali fanno capo a un beccuccio nel quale avviene la miscelazione dei due gas; all'uscita dal beccuccio avviene la combustione. La fiamma ottenuta dal cannello ossiacetilenico ha una temperatura di ca. 3000 ºC, mentre la temperatura di quella ottenuta dal cannello ossidrico è di ca. 2700 ºC.

4) Cannello da taglio, apparecchio analogo al cannello ossiacetilenico per materiali ferrosi, che presenta un secondo beccuccio dal quale affluisce un sottile getto di ossigeno, che produce un'ossidazione localizzata del ferro: poiché l'ossido di ferro ha una temperatura di fusione notevolmente più bassa di quella del ferro, è possibile, con lo spostamento del cannello, tagliare lamiere anche di spessore considerevole. Tale metodo di taglio non può in pratica essere usato per materiali non ferrosi.

5) Nella terminologia della moda, tipo di piega profonda, specialmente adatta per gonne.