caolino

sm. [sec. XIX; dal nome dei monti Kaoling, in Cina, ricchi di questo materiale]. Argilla costituita in massima parte da caolinite e in minor misura da halloysite; trova numerose applicazioni nell'industria. In farmacia trova impiego il caolino polverizzato e depurato, che per il suo potere adsorbente viene usato come antidiarroico e antifermentativo intestinale; è inoltre un comune eccipiente di pillole, polveri medicate e dentifrici.