Questo sito contribuisce alla audience di

carapace

sm. [dallo spagnolo carapacho, guscio dei granchi o delle tartarughe].

1) Scudo dorsale che nei Crostacei è una duplicatura dell'esoscheletro dei segmenti cefalici e che ricopre più o meno ampiamente il cefalotorace e a volte anche l'addome. Nei Crostacei inferiori il carapace può formare una specie di guscio bivalve che ricopre tutto il corpo, compreso il capo, come negli Ostracodi, oppure ricoprire solo il torace e l'addome come nei Cladoceri. Non è raro che il carapace si spinga fin sopra le branchie ricoprendole e rinchiudendole in una cavità. Anche nelle tartarughe esiste un carapace situato dorsalmente e formato da 5 serie longitudinali di placche ossee: una di mediane o vertebrali così dette perché decorrono lungo le vertebre, due costali situate ai lati delle placche vertebrali e due marginali che circondano a destra e a sinistra le costali. Il carapace è spesso unito al piastrone, situato in posizione ventrale e anch'esso costituito da diversi tipi di placche.

2) Nella terminologia tettonica, parte sommitale del dorso di una falda di ricoprimento, spesso in forma di cupola, anche di rilevanti dimensioni; nella terminologia vulcanica, parte superiore e consolidata di una cupola lavica.