Questo sito contribuisce alla audience di

ciclo èpico

serie dei fatti centrati intorno a un'epopea della letteratura greca, e soprattutto alla guerra di Troia. Sommi racconti dell'epopea troiana sono l'Iliade e l'Odissea: ma col nome di “poemi ciclici” i grammatici alessandrini designavano in particolare i poemi minori relativi a quell'episodio per noi quasi interamente perduti (ne conosciamo solo pochi frammenti e i riassunti). Furono anch'essi attribuiti dapprima a Omero, poi si volle determinarne meglio gli autori: per i Canti Ciprii Stasino, per l'Etiopide e l'Iliupersis (Distruzione d'Ilio) Arctino, per la Piccola Iliade Lesche, per i Nostoi (Ritorni degli eroi greci da Troia) Agia di Trezene e per la Telegonia Eugammone di Cirene; ma alla fine si preferì senz'altro considerarli come anonimi. Il loro valore poetico non doveva essere notevole, ritrovandosi in essi adunati, senza alcuna elaborazione, canti epici diversi, neppure contemporanei. Più o meno legato a questo di Troia era poi il ciclo epico tebano, con poemi sulle vicende di Edipo e dei suoi figli, e forse altri (di Eracle, degli Argonauti, ecc.). Al ciclo epico attinse spesso per i suoi argomenti il teatro tragico ateniese.