Questo sito contribuisce alla audience di

citosina

sf. [sec. XX; da cito-]. Composto chimico di formula bruta C4H5ON₃, che presenta la struttura di una 2-idrossi- 4-amminopirimidina:

citosina entra nella costituzione degli acidi nucleici ed è presente anche nei lieviti e nella struttura dell'amicetina, antibiotico antitubercolare. In natura sono presenti alcuni derivati della citosina, quali la metil-citosina, contenuta in piccole quantità nel DNA delle cellule animali e vegetali, e la 5-ossimetil-citosina, isolata negli acidi nucleici di batteriofagi dell'Escherichia coli. La citosina, che si ottiene dagli acidi nucleici del timo di vitello, è una polvere bianca, cristallina, poco solubile in acqua; per le sue proprietà basiche forma sali facilmente solubili e cristallizzabili (picrati, nitrati). La citosina si forma nei tessuti a partire dall'acido orotico. Nel corso del catabolismo degli acidi nucleici viene trasformata in uracile mediante deamminazione, e questo, per idrolisi dell'anello pirimidinico e decarbossilazione, in β alanina. Un sale della citosina, il citosin-arabinoside, viene attualmente adoperato in medicina come farmaco antineoplastico per la sua capacità di inibire la sintesi del DNA soprattutto nelle cellule dotate di vivace attività proliferativa, quali le cellule tumorali.

Sapere in video

DNA

Guarda il video!