Questo sito contribuisce alla audience di

cloramfenicòlo

sm. Sostanza antibiotica prodotta dallo Streptomyces venezuelae e attualmente preparata per sintesi

È nota anche con il nome di cloromicetina. Caratterizzano la struttura molecolare del cloramfenicolo una funzione nitrobenzoica e un radicale dicloroacetico che non compaiono in alcun altro composto naturale finora noto. L'antibiotico puro si presenta in cristalli bianchi, aghiformi, di intenso sapore amaro, solubili in alcol. Dei due isomeri ottici solo la forma levogira ha effetti chemioterapici. Il cloramfenicolo possiede uno spettro antibatterico notevolmente ampio. È battericida o batteriostatico in rapporto alle dosi e alla specie microbica sulla quale agisce. Tra i microrganismi patogeni più sensibili al cloramfenicolo vi sono l'Aerobacter aerogenes, l'Escherichia coli, la Bordetella pertussis, la Salmonella typhosa, le Shigelle e vari ceppi di Proteus. Sono inoltre sensibili le Rickettsie responsabili del tifo epidemico e murino, della febbre Q e della febbre delle Montagne Rocciose. L'antibiotico è attivo infine sui Micoplasmi e sui virus della psittacosi e del linfogranuloma venereo. Tuttavia numerosi ceppi dei microrganismi ora elencati sono divenuti resistenti al cloramfenicolo; tale fenomeno costituisce un preoccupante problema clinico, anche perché spesso gli stessi germi risultano resistenti anche ad altri antibiotici, quali la streptomicina, l'ampicillina, le tetracicline, ecc. Per l'intensità dell'azione e per l'ampiezza dello spettro batterico, il cloramfenicolo figura tra gli antibiotici di più largo impiego in medicina. La sua utilizzazione è particolarmente indicata nella terapia delle febbri tifoidi, delle infezioni da Rickettsie, delle infezioni urinarie di varia origine. Viene spesso associato ai sulfamidici e alle tetracicline. Il cloramfenicolo, già alle dosi terapeutiche, possiede una notevole tossicità, potendo causare depressione funzionale del midollo osseo, con anemia o pancitopenia, manifestazioni allergiche, nausea, irritazione gastrointestinale, specie nei soggetti di giovane età.