Questo sito contribuisce alla audience di

colonnato (sostantivo)

sm. [sec. XVI; dal latino tardo columnātum]. Successione di colonne poste all'esterno (a formare portico, peribolo, loggia, ecc.) o all'interno (a formare navate, sale ipostile, ecc.) di un edificio. Sotto forma di peribolo, il colonnato caratterizza il tempio greco e poi quelli ellenistico, etrusco-italico e romano, dando luogo a una sua differenziazione tipologica (in antis, prostilo, ecc.). Sotto forma di portico architravato caratterizza numerosi tipi di edifici e spazi urbani greci ed ellenistici (abitazioni, vie, agorà). I colonnati di templi, atri, edifici, ecc. dell'architettura romana trovano successivo sviluppo e applicazione nei porticati e nelle navate di chiese paleocristiane (S. Sabina), bizantine e medievali (SS. Apostoli a Firenze, duomo di Monreale). Nel sec. XV il colonnato è usato anche per portici di edifici religiosi e nobiliari, per chiostri e loggiati. Uno dei colonnati più celebri è quello realizzato in piazza San Pietro da Gian Lorenzo Bernini a simboleggiare l'abbraccio che la chiesa rivolge ai suoi fedeli: il colonnato a quattro file di colonne, realizzato per Alessandro VII nel 1656-67, è concepito in modo che, visto dai fuochi dell'ellisse (indicati, sul selciato, da una pietra circolare circondata da un anello di marmo) appaia composto da una sola fila di colonne.

Media


Non sono presenti media correlati