Questo sito contribuisce alla audience di

concertante

agg. [ppr. di concertare]. Di composizione strumentale del sec. XVIII in cui uno o più strumenti hanno una funzione preminente, senza però assurgere al ruolo di protagonista che ha il solista nel concerto. Tale genere godette di particolare fortuna nel periodo preclassico, con il rococò e la Scuola di Mannheim. Nei sec. XVI-XVII, fu detto concertante l'uso di gruppi corali e strumentali contrapposti, secondo una prassi inaugurata con particolare fortuna dai Gabrieli (vedi Gabrieli, Andrea, Gabrieli, Giovanni). Nello stesso periodo il termine ebbe tuttavia molteplici significati e partecipò della genericità della parola stessa concerto e della sua evoluzione. Poté quindi alludere all'unione di voci e strumenti o anche a gruppi strumentali in cui emergessero in forma embrionale uno o più "solisti".