Questo sito contribuisce alla audience di

controcorrènte

Guarda l'indice

Lessico

sf. [sec. XIV; contro+ corrente (sostantivo femminile)].

1) Movimento di un fluido in senso opposto a quello di spostamento di un altro fluido. In particolare, in oceanografia, la corrente o il sistema di correnti di compenso che riequilibra dinamicamente lo spostamento d'acqua della corrente principale chiudendo il circuito oceanico. Controcorrenti si possono avere anche nei mari interni e nei fiumi e, in generale, in una qualunque condotta percorsa da un fluido.

2) Con valore avv., specialmente in senso fig., in loc. del tipo andare controcorrente, seguire una via opposta a quella che si segue comunemente.

Biologia

Molte funzioni fisiologiche devono la loro migliore efficienza al meccanismo dello scambio in controcorrente, che facilita il mantenimento di gradienti o permette di concentrare determinate sostanze in particolari distretti del corpo. Alcuni degli esempi più classici sono offerti dai meccanismi di respirazione e di termoregolazione: nelle branchie, il sangue scorre in direzione opposta a quella del flusso d'acqua che le irrora, sicché la differenza di concentrazione dell'ossigeno e dell'anidride carbonica fra il sangue e l'acqua si mantiene costante, facilitando lo scambio di gas; in molti vertebrati, il sangue spinto dal cuore e quello che torna al cuore scorrono rispettivamente in arterie e vene, che decorrono in stretta vicinanza, facilitando lo scambio di calore in controcorrente. Numerose funzioni renali di eliminazione e di recupero e il pompaggio di gas nella vescica natatoria dei Teleostei Fisoclisti sono basati su meccanismi di concentrazione in controcorrente.