Questo sito contribuisce alla audience di

convulsióne

sf. [sec. XIV; dal latino convulsío-ōnis]. Contrazione brusca e involontaria che può interessare pochi o numerosi gruppi muscolari, a carattere irregolare, intermittente e variabile. Per estensione, manifestazione violenta, moto convulso, irrefrenabile: una di pianto, politiche. Anche perturbazione improvvisa e violenta della natura: telluriche, scosse sismiche. § La convulsione può essere analizzata sotto vari aspetti. In rapporto alla forma si differenziano: toniche, quando la contrazione è prolungata nel tempo e immobilizza totalmente i tratti colpiti; cloniche, in cui si ha un succedersi rapido di contrazioni e rilasciamenti muscolari; statica, tipo particolare di aura, quale si osserva nell'epilessia procursiva. In rapporto all'estensione si hanno: generalizzate, in cui le contrazioni interessano tutto il corpo, con cianosi, perdita di urine e feci, e localizzate (o focali o epilessia jacksoniana), con insorgenza in un determinato settore muscolare e successiva diffusione ai muscoli dello stesso lato. Bisogna inoltre distinguere fra una crisi convulsiva isolata, non recidivante, come per esempio quella che può comparire dopo un trauma cranico o durante un episodio febbrile, e l'epilessia, caratterizzata invece da crisi recidivanti improvvise, breve alterazione della coscienza e dell'attività motoria, con fenomeni sensoriali o comportamento anomalo, dovuti a scarica elettrica eccessiva dei neuroni cerebrali. Le convulsioni sono abbastanza frequenti nei bambini al di sotto dei 6 anni e nei primi giorni di vita hanno quasi sempre carattere generalizzato e sono di frequente legate a un trauma da parto; possono comparire anche nelle malattie acute del sistema nervoso (fra cui infezioni), nella spasmofilia legata a ipocalcemia, nell'ipoglicemia, spesso associata a vomiti acetonemici, nelle manifestazioni febbrili, soprattutto al di sotto dei 3 anni, in taluni stati affettivi (attacchi di collera) con contrazione dei muscoli respiratori, cianosi, perdita di coscienza di breve durata. Altre possibili cause di convulsioni sono edema o ipossia cerebrale, traumi encefalici, lesioni espansive cerebrali, uso di farmaci o sostanze convulsivanti. La terapia delle convulsioni prevede da un lato il controllo delle crisi mediante adeguata terapia farmacologica, dall'altro il trattamento della patologia di base.

Media


Non sono presenti media correlati