Questo sito contribuisce alla audience di

cordeliers

sm. pl. francese (da cordelle, cordicella, con rif. al cordiglio portato dai frati). Club fondato a Parigi all'inizio della Rivoluzione e il cui nome derivò dal luogo di riunione, l'ex convento dei frati cordeliers, situato in rue de l'École de Médecine. Il club, la cui vera denominazione era Société des amis des droits de l'homme et du citoyen, contava tra i suoi membri personaggi come Marat, Danton, Camille Desmoulin, Hébert, Fabre d'Eglantine ecc. Di tendenza accesamente democratico-repubblicana, i cordeliers, che proposero il motto “libertà, eguaglianza, fraternità”, furono presenti a tutte le dimostrazioni e insurrezioni. Il club ebbe una parte importante negli avvenimenti del 10 agosto 1792: la maggior parte dei deputati parigini che furono eletti alla Convenzione erano suoi membri. Il club fu guidato quasi esclusivamente da hebertisti, fino a quando questi furono condannati (marzo 1794), scomparendo poi del tutto alla fine della Convenzione, nel 1795.

Media


Non sono presenti media correlati