Questo sito contribuisce alla audience di

cròmico

agg. (pl. m. -ci) [sec. XIX; da cromo]. Proprio dei composti del cromo trivalente o esavalente. Anidride cromica, nome tradizionale del triossido di cromo, CrO₃, solido cristallino di colore rosso carico, igroscopico e solubilissimo in acqua. Si prepara trattando con acido solforico concentrato le soluzioni concentrate del cromato di sodio ottenuto per fusione ossidante della cromite, oppure per ossidazione anodica delle soluzioni di solfato di cromo provenienti dall'attacco della cromite con acido solforico in condizioni adatte. È importante dal punto di vista tecnico perché è il composto del cromo usato nei processi di cromatura. Acido cromico, acido del cromo esavalente, di formula H₂CrO4. È molto instabile ed è noto solo in soluzioni acquose di triossido di cromo.