Questo sito contribuisce alla audience di

crocièra¹

sf. [sec. XIX; dal francese ant. croisière, da croiser, incrociare]. Navigazione metodica di una o più navi compiuta in una determinata zona con fini bellici, di addestramento, perlustrativi o per ricercare naufraghi: essere di crociera, detto di nave in perlustrazione. Anche viaggio compiuto su una nave a scopo turistico o di studio: trascorrere le ferie facendo una crociera; fare una crociera nel Mediterraneo. Analogamente, navigazione di uno o più aerei per scopi bellici, addestrativi, turistici, ecc. In particolare, la condizione di marcia caratterizzata da minimi consumi di combustibile e minimi impegni di potenza, spinta o trazione in rapporto alla durata del percorso (velocità di crociera), ma sempre in funzione dei regimi ottimali dei propulsori (regime di crociera). § Il rapporto giuridico fra l'organizzatore di una crociera turistica e il passeggero è regolato dalle norme sul contratto di trasporto di persone, definito nella pratica della navigazione marittima come contratto di passaggio. Quando l'organizzatore è anche il padrone della nave o il noleggiatore, deve assumere la diretta responsabilità della buona esecuzione del contratto nei confronti del crocerista; se invece non è il proprietario o il noleggiatore della nave, l'organizzatore ha la veste di semplice mandatario del passeggero cosicché il rapporto giuridico s'instaurerà fra quest'ultimo e il vettore.