Questo sito contribuisce alla audience di

dóccia

sf. (pl. -ce) [sec. XIII; latino volg. *ducea, condotto].

1) Canale, tubo di metallo, che serve a convogliare a terra le acque piovane che scolano dalle falde del tetto.

2) Canale inclinato in cui scorrono le acque destinate a far girare la ruota del mulino.

3) Impianto idrico-sanitario costituito da un bulbo munito di piccoli forellini da cui scaturisce un getto di acqua a pioggia. Per estensione, il locale in cui è la doccia. Fig., doccia fredda, evento o notizia che fa svanire l'entusiasmo o lascia sbigottiti.

4) In anatomia, depressione rilevabile su una superficie di organo e soprattutto di un osso, nella quale possono scorrere canali, vasi o nervi (doccia dell'omero, dell'infundibulo, dell'etmoide, ecc.). In ortopedia, apparecchio modellato in gesso o in plastica, di forma incavata, usato per immobilizzare un arto.

5) In embriologia, doccia neurale, stadio successivo della placca neurale durante la formazione del sistema nervoso dei Vertebrati.

6) In geomorfologia, doccia glaciale, valle di origine glaciale con base ampia e versanti ripidi, con tipico profilo a U.

7) In zoologia, doccia ipobranchiale, gronda ventrale del faringe dei Tunicati e degli Acrani (vedi endostilo): doccia epibranchiale, opposta alla precedente, convoglia il cibo all'esofago.

Media


Non sono presenti media correlati