Questo sito contribuisce alla audience di

decano¹

sm. [sec. XIII; dal latino tardo decānus, propr. capo di dieci persone].

1) Il membro che occupa il primo posto, per anzianità d'età o di nomina, o per importanza di grado, in un corpo accademico o in un collegio professionale: il decano dei professori, degli avvocati, del corpo accademico. In particolare: A) Nelle università straniere, il preside di facoltà. B) Nella diplomazia: decano del corpo diplomatico, il primo del corpo degli ambasciatori accreditati presso un governo straniero, è il diplomatico di più lunga nomina a far data dalla presentazione delle credenziali (negli Stati cattolici questo titolo onorifico compete al nunzio apostolico); decano di un corpo consolare, il console più anziano di nomina o più elevato nel grado gerarchico. C) Nel campo ecclesiastico, cardinale decano, quello che ha il diritto di convocare e presiedere il conclave, è il più anziano nella promozione a una sede suburbicaria; canonico decano, la prima dignità del Capitolo della cattedrale o di una collegiata; parroco decano (detto anche arcidiacono o arciprete o preposto), colui che esercita una sovraintendenza sui parroci della sua vicaria.

2) Nell'esercito romano, ufficiale che comandava dieci soldati.

3) Nell'amministrazione longobarda, funzionario a capo della più piccola circoscrizione amministrativa.

Media


Non sono presenti media correlati