Questo sito contribuisce alla audience di

dermatologìa

sf. [sec. XIX; dermato+-logia]. Branca specialistica della medicina che studia la struttura, le funzioni e le malattie della pelle e dei suoi annessi. Le malattie della pelle sono state sempre oggetto di particolare attenzione fin dall'antichità; tuttavia, solo dopo il riconoscimento delle malattie da contagio e il progredire degli studi di parassitologia è stata provata l'esistenza di malattie infettive. La scoperta dell'acaro della scabbia (1687), il riconoscimento dell'origine fungina della tigna favosa (1839), la scoperta del bacillo della lebbra (1871), dello streptococco dell'ulcera venerea (1889), del Treponema pallidum (1905) furono tappe fondamentali nella conoscenza delle malattie infettive. Solo a partire dal secolo scorso la dermatologia si è sviluppata come scienza autonoma, anche in seguito alla larga diffusione di malattie contagiose con manifestazioni cutanee. Attualmente viene approfondito lo studio funzionale sia della pelle sana sia di quella malata, soprattutto partendo dal concetto che la pelle, in quanto organo superficiale del corpo umano, esprime le condizioni di salute o di malattia dell'organismo. Essa, infatti, risente delle malattie di altri organi o apparati e dei processi di senescenza. La dermatologia moderna si interessa sempre più anche ai fattori esogeni chimici e fisici che incidono sulla cute. Le modalità eziopatogenetiche attraverso cui si producono le manifestazioni morbose cutanee appaiono dovute, secondo i casi, all'azione locale nociva o irritativa di sostanze o agenti patogeni, a fenomeni allergici, ad alterazioni del metabolismo o dell'attività neuroendocrina; i più recenti studi, infine, attribuiscono anche a processi psicosomatici una rilevante importanza nella genesi delle malattie della pelle: i meccanismi relativi, anche se in buona parte poco chiari, vengono attribuiti alle correlazioni esistenti tra cute e sistema nervoso (organi che derivano entrambi dall'ectoderma embrionale) e alle reazioni neurovegetative periferiche cutanee provocate da stimoli emotivi.

Bibliografia

J. Civatte, Histopathologie cutanée, Parigi, 1967; R. L. Sutton, Diseases of the Skin, Saint Louis, 1967; D. S. Wilkinson, F. J. G. Ebling, Textbook of Dermatologie, Oxford, 1968; R. Degos, Traité de dermatologie, Parigi, 1971; F. Fiori, Dermatologia. Anatomia, fisiologia e patologia, Milano, 1988.