Questo sito contribuisce alla audience di

destrano

sm. [da destro-]. Polisaccaridemacromolecolare che si forma per azione sul saccarosio dell'enzima destransaccarasi oppure per trasformazione della destrina da parte dell'Acetobacter. Il destrano è costituito da catene di unità di D-glucosio unite con legami 1,6 o 1,4 come nell'amido. Di norma si trova in piccole quantità nello zucchero e nei vegetali fermentati. Si ottiene industrialmente da colture di Leuconostoc mesenteroides contenenti saccarosio, peptone, vitamine e sali minerali oppure per azione della destransaccarasi sullo zucchero. Il prodotto viene separato per precipitazione con etanolo e quindi sottoposto a idrolisi parziale. Si ottiene in tal modo il destrano commerciale, polvere bianca solubile in acqua, con peso molecolare compreso tra 75.000 e 100.000. Il destrano viene adoperato nell'industria alimentare come addensante e soprattutto in medicina (Macrodex, Plasmadex), come sostituto del plasma sanguigno, nella terapia dello shock emorragico e traumatico, nelle ustioni, ecc. L'estere solforico del destrano è stato adoperato in medicina come anticoagulante.

Media


Non sono presenti media correlati