Questo sito contribuisce alla audience di

entremés

sm. spagnolo. Termine – usato per la prima volta da J. Timoneda nel 1565 e divenuto comune nel linguaggio teatrale spagnolo dei sec. XVI e XVII – che designa la breve rappresentazione comica inserita fra un atto e l'altro della commedia. Nel Siglo de Oro ispanico vennero rappresentati migliaia di entremés composti da tutti, o quasi, i drammaturghi dell'epoca; particolarmente significativi gli otto entremés di Cervantes, nonché molti di Quiñones de Benavente, vero specialista del genere, Quevedo, Calderón, ecc. Nel sec. XVIII il genere rivisse nel sainete e quindi nell'ottocentesco género chico

Media


Non sono presenti media correlati