Questo sito contribuisce alla audience di

epiciclo

sm. [sec. XIV; dal greco epíkyklos].

1) Nel sistema tolemaico geocentrico, cerchio in cui si muovono i pianeti e il Sole con velocità costante. Il centro dell'epiciclo, a sua volta, si muove su un altro cerchio, detto deferente o eccentrico, all'interno del quale si trova la Terra, in posizione eccentrica rispetto al centro. Il moto del centro dell'epiciclo appare con velocità angolare costante se visto da un punto, detto equante, posto al di là del centro del deferente rispetto alla Terra. La teoria degli epicicli fu un tentativo per spiegare le osservazioni del moto apparente dei pianeti e fu adottata, anche da Copernico, fino all'epoca di Keplero, quando questi scoprì l'ellitticità delle orbite planetarie.

2) In meccanica, linea che rotola senza strisciare su un'altra linea considerata fissa. Il concetto di epiciclo ha particolari applicazioni in tecnologia meccanica per determinare la forma dei profili dei denti di alcuni tipi di ingranaggi: tali profili possono infatti essere considerati le traiettorie di particolari punti rigidamente vincolati a opportuni epicicli che rotolano sulle circonferenze primitive.