Questo sito contribuisce alla audience di

epidurale

agg. [da epi-+dura (madre)]. Di formazione anatomica esterna alla dura madre: spazio , lo spazio compreso tra la superficie esterna della dura madre e la parete interna del canale rachidiano; vi sono contenuti plessi nervosi, vasi linfatici e tessuto adiposo lasso. § Anestesia: forma di anestesia praticata introducendo nello spazio epidurale, mediante catetere posizionato attraverso due vertebre, un anestetico locale. Il farmaco sopprime la sensibilità delle aree innervate dai plessi nervosi che emergono dal livello di introduzione dell'anestetico in giù, senza compromettere lo stato di coscienza del paziente e la sua capacità di respirare autonomamente. Tale tipo di anestesia è utilizzato prevalentemente negli interventi all'addome e agli arti inferiori, nonché nell'analgesia da parto.

Collegamenti