Questo sito contribuisce alla audience di

ereditarietà

Guarda l'indice

Lessico

sf. [sec. XX; da ereditario]. L'essere ereditario, trasmissibile per eredità: l'ereditarietà di un titolo.

Genetica

Negli organismi viventi l'ereditarietà è il fenomeno biologico attraverso il quale vengono trasmessi i caratteri della specie da una generazione all'altra. L'ereditarietà di determinati caratteri che coinvolgono l'interazione di molti fattori genici e che sono responsabili della variabilità individuale (per esempio il peso corporeo o il quoziente di intelligenza) non è valutabile usando esclusivamente i principi dettati dalle leggi di Mendel. Oltre al genotipo e alle caratteristiche ereditarie, come la dominanza e l'interazione tra i vari caratteri, assumono grande importanza le condizioni ambientali in cui l'individuo vive. Per esempio, il tipo di alimentazione, nel caso della statura, o un ambiente culturalmente attivo, nel caso del quoziente di intelligenza.

Pedagogia

L'ereditarietà interessa anche l'educazione, dal momento che essa è strettamente connessa alla natura e alle determinanti dello sviluppo: in altri termini viene giocata su questo terreno la nozione stessa di educabilità. È noto l'aspro dibattito tra “nativisti” e “ambientalisti”. Dai primi lo sviluppo è essenzialmente inteso come rigida conseguenza delle disposizioni ereditarie-naturali correlate all'atavismo biogenetico. Il punto di vista ambientalista, al contrario, fa derivare lo sviluppo da fattori connessi all'ambiente entro i quali si svolge l'esperienza diretta del soggetto. Alla rigida autosufficienza di entrambi i punti di vista si è venuto sostituendo un orientamento che vede lo sviluppo come risultante interconnessa di fattori sia ereditari sia ambientali.

Media


Non sono presenti media correlati