Questo sito contribuisce alla audience di

fàggio

sm. [sec. XIV; dall'agg. latino fagĕus, da fagus, faggio]. Nome comune dell'albero Fagus silvatica della famiglia Fagacee, spesso di grandi dimensioni, a fusto colonnare con corteccia liscia e cenerina, chioma folta, ovale in foresta, sferico-depressa negli esemplari isolati. Le foglie sono ovali o ellittiche, acute, intere, glabre; i fiori maschili sono amenti sferici, quelli femminili sono disposti a coppie entro una cupola che poi racchiuderà i due frutti, noci trigonali dette faggiole con un involucro ad appendici non pungenti. È specie sociale europea diffusa dalla Scandinavia meridionale e dalle pianure dell'Europa centrale sino alle regioni montuose dell'Europa meridionale. Richiede umidità atmosferica e si adatta a suoli acidi o basici; spesso si associa all'abete. Il legno, molto adatto alla curvatura a vapore, si usa per mobili, traversine ferroviarie, compensati e cellulosa ed è ottimo come combustibile. Ne esistono anche varietà a fogliame ornamentale.

Collegamenti