Questo sito contribuisce alla audience di

féltro

sm. [sec. XIII; latino medievale feltrus, dal francone filtir].

1) Massa compatta di fibre di lana o di pelo, generalmente di coniglio, ottenuta per feltratura; viene realizzato in modo da formare una falda (nastro) continua. Il feltro è usato nella produzione dei cappelli, in selleria, tappezzeria, ecc.

2) Pezza od oggetto, specialmente cappello, ottenuto con tale materiale: “Sarà vestita da amazzone, con un feltro nero e gli stivaloni” (Alvaro).

3) Feltro bitumato, manto impermeabile continuo a base di mastice bituminoso ad alta stabilità termoplastica, nel quale viene incorporato un supporto imputrescibile costituito da fibre inorganiche, generalmente feltro in lana di vetro. Viene impiegato per l'impermeabilizzazione di coperture piane o inclinate non praticabili.

4) Disus., filtro.

Media


Non sono presenti media correlati