Questo sito contribuisce alla audience di

filàccia

sf. (pl. -ce) [sec. XVIII; da filo].

1) Cascame prodotto durante le ultime fasi della filatura delle fibre tessili; è detta anche filandra. È formata da fibre buone ma riunite da una certa torsione che impedisce loro di scorrere le une sulle altre. Viene sottoposta all'operazione di sfilacciatura che riporta le fibre nelle condizioni adatte per subire le diverse operazioni di filatura dei cascami.

2) Cascame residuato dalla sfilatura di un tessuto consunto.

3) Filo elementare di un cavo vegetale ottenuto per torsione di più fibre, generalmente di canapa.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti