Questo sito contribuisce alla audience di

fila

sf. [sec. XIV; da filo].

1) Serie di persone o cose allineate: una fila di soldati, di pellegrini; una fila di automobili; procedere in fila indiana, uno dietro l'altro; staccarsi dalla fila, uscirne. In particolari loc.: essere in prima fila, detto di spettatori che assistono a uno spettacolo occupando le poltrone più vicine al palcoscenico; fig.: quell'uomo è sempre in prima fila, in evidenza; fare la fila, attendere uno dietro l'altro che arrivi il proprio turno (per la trattazione in statistica sulla teoria della fila, vedi coda); nella terminologia militare, formazione in ordine chiuso con gli uomini disposti uno dietro l'altro nella medesima direzione; viene chiamata invece riga la formazione che vede gli uomini uno accanto all'altro. Nel primo caso un reparto, su una o più file, dicesi “di fianco”, nel secondo, su una o più righe, dicesi “di fronte”; disertare le fila, disertare dall'esercito e, per estensione, tradire una causa; stringere le fila, ridurre le distanze tra i componenti di una fila; fig., raccogliere tutte le forze disponibili per conseguire uno scopo comune. Negli scacchi, serie di otto caselle contigue.

2) Fig., serie, sequela ininterrotta: quella fila di menzogne lo insospettì; di fila, di seguito; fuoco di fila, scarica in successione continua e regolare di armi da fuoco; per estensione: un fuoco di fila di domande, una sfilza incalzante di domande.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti