Questo sito contribuisce alla audience di

iato

sm. [sec. XIV; dal latino hiātus-us, da hiāre, aprire la bocca].

1) Incontro di due vocali appartenenti a sillabe diverse (bo-a-to). In italiano, quando questa situazione si realizza non all'interno della stessa parola ma in due parole consecutive, si ha generalmente l'elisione della vocale finale della parola che precede (l'artista in luogo di lo artista) o il troncamento della stessa (buon artista in luogo di buono artista). Nella metrica possono restare in iato due vocali soprattutto se portano l'accento tonico.

2) Fig., interruzione, frattura nello svolgersi di un avvenimento o di un'azione; soluzione di continuità: un iato tra due periodi artistici; “l'iato tra le nostre discontinuità” (Calvino).

3) Lett., apertura profonda; voragine: “Ahi dura terra, come non apristi / un cieco iato, un tenebroso speco” (G. Rucellai).

4) In anatomia, apertura, orificio, fessura o spazio cavo (iato aortico,iato esofageo). È più comune la forma latina hiatus.

Media


Non sono presenti media correlati