Questo sito contribuisce alla audience di

idratazióne

sf. [da idratare]. Termine generico che indica un processo di addizione di acqua a un composto inorganico od organico. Si indicano infatti con il nome di idratazione, per esempio, i processi di addizione di acqua a un sale anidro che si trasforma in idrato, ma anche quelli di addizione di acqua a un composto a doppio legame, come per esempio nella trasformazione dell'etilene in alcol etilico:

particolare, si chiama idratazione del cemento l'insieme delle reazioni chimiche che danno inizio al processo di presa del cemento e che consistono nella formazione di silicati e di alluminati idrati. § Nella chimica dei colloidi, idratazione o solvatazione è il fenomeno per cui le particelle liofile di un colloide si rivestono di uno strato di molecole del mezzo disperdente (acqua). § In geologia, processo di alterazione chimica consistente sostanzialmente nell'assunzione di acqua dall'ambiente esterno, che si esplica su alcuni minerali costituenti le rocce; l'inserimento dell'acqua nel reticolo cristallino dei minerali in questione ne modifica la struttura e le proprietà fisiche. Tale processo comporta un aumento di volume, con conseguente comparsa di tensioni interne che possono provocare deformazioni plastiche (micropieghe) dei minerali stessi. Un esempio tipico di idratazione è la trasformazione dell'anidrite in gesso, dovuta all'inserimento di due molecole d'acqua nel reticolo cristallino dell'anidrite stessa, con conseguente aumento di volume, pari a circa il 62%.

Media


Non sono presenti media correlati