Questo sito contribuisce alla audience di

idrossilasi

sf. [da idrossile+-asi]. Classe di enzimi ossidativi largamente diffusi in natura sia nel regno animale sia in quello vegetale. Sono metalloproteine, contenenti ferro o rame, che, in presenza di ossigeno e dei coenzimi NADPH o NADH, catalizzano l'ossidazione di numerosi substrati organici, trasformandoli in idrossiderivati. Esempi di idrossilasi sono la fenilalaninaidrossilasi, che provoca l'idrossilazione dell'anello aromatico dell'amminoacido fenilalanina; la dopaminaidrossilasi, che opera la trasformazione della dopamina in noradrenalina; le varie metil-idrossilasi che nei tessuti animali catalizzano l'ossidazione del gruppo –CH₃ a CH₂–OH, e che intervengono nel metabolismo degli ormoni steroidi, del colesterolo, della tirosina, degli acidi grassi e di alcuni amminoacidi. Vanno infine ricordate alcune idrossilasi aspecifiche presenti soprattutto nel fegato e preposte alla detossicazione di farmaci e di varie sostanze esogene nocive per l'organismo, quali idrocarburi aromatici, prodotti industriali, insetticidi, ecc. Sulla base di ricerche condotte su animali di laboratorio, è stata avanzata l'ipotesi che le idrossilasi del polmone svolgano un importante ruolo protettivo nei confronti degli idrocarburi aromatici cancerogeni derivanti dalla combustione delle sostanze organiche e presenti nel fumo di sigaretta.