Questo sito contribuisce alla audience di

ingessatura

sf. [sec. XIX; da ingessare].

1) Operazione dell'ingessare.

2) In ortopedia, metodo di immobilizzazione di segmenti scheletrici per consentire la riduzione di fratture o simili, costituito da docce, fasce o altri apparecchi confezionati con gesso o con altri materiali equivalenti. Il metodo, consistente in un bendaggio con fasce gessate (apparecchio gessato) o nell'uso di apparecchi non gessati aventi le stesse finalità, è eseguito in caso di frattura, di lesioni traumatiche in genere, di stati flogistici acuti e cronici delle ossa e delle articolazioni, di correzione cruenta e incruenta di deformità congenite o acquisite, ecc. Per ottenere una buona immobilizzazione occorre che l'ingessatura sia modellata in modo da aderire in determinati punti di appoggio, corrispondenti a sporgenze ossee, e che nell'apparecchio siano comprese le articolazioni, una a monte e una a valle, del segmento scheletrico interessato; fanno eccezione le fratture del polso e dei malleoli, per le quali si esclude dall'ingessatura l'articolazione prossimale.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti