Questo sito contribuisce alla audience di

interattività

situazione di interscambio comunicativo fra l'uomo e la macchina tale da provocare il progressivo annullamento della contrapposizione fra soggetto e oggetto fino al raggiungimento di una nuova configurazione in cui i due elementi, uomo e macchina, si compenetrano. La concezione di un flusso informativo univoco e unidirezionale, che dall'apparato emittente giunge direttamente al ricevente senza che questi abbia la possibilità di replicare, è superata in quanto il destinatario dei messaggi massmediatici e comunicativi è un soggetto attivo che mette in atto strategie di risposta (feedback), innescando con la macchina un vero e proprio meccanismo fondato sulla condivisione di codici, valori e significati. Il processo interattivo si propone, dunque, di descrivere le meccaniche di trasferimento dei dati, caratteristiche del rapporto uomo-macchina, strutturando un flusso comunicativo costante fra le procedure della domanda (andata) e quelle della risposta (ritorno). Vi sono due tipi di interattività: transitiva e intransitiva. L'interattività transitiva permette al fruitore del messaggio di retroagire sul programma, mentre nella seconda lo stesso soggetto interagisce con i messaggi a livello sensoriale e affettivo oltreché intellettivo. Il concetto di interattività si inserisce nel dibattito sull'impatto delle nuove tecnologie della comunicazione all'interno del sistema sociale che dà luogo allo sviluppo dei cosiddetti new media. I new media interattivi agiscono mediante tre orientamenti di comunicazione: trasmissione, rappresentazione e interrogazione. La strategia della trasmissione presuppone un trasferimento di informazioni e dati da un soggetto a un altro per mezzo di apparati informativi tradizionali, il telefono, collegati ad alcuni new media (fax, cellulari ecc.). La rappresentazione costituisce un caso significativo di come sia possibile affrontare il problema del rapporto fra immagine e realtà mediante l'applicazione di new media come l'alta definizione (High Definition) e la grafica computerizzata (computer graphics) a mezzi audiovisivi più tradizionali, quali la TV e il cinema. L'interrogazione, infine, connette fra loro le reti delle banche dati e tutte quelle nuove tecnologie che fioriscono grazie agli investimenti sulla simulazione e la realtà virtuale. I media interattivi sono strutturati in ipertesti (enciclopedie multimediali) e sviluppano una comunicazione sintetica che tende alla contrazione dello spazio e del tempo assicurando così un notevole risparmio di lavoro e di risorse economiche. Un'ultima considerazione riguarda la possibilità di interagire a distanza con i centri deputati all'elaborazione delle informazioni, favorendo un accesso sempre più semplificato alle loro strutture (Internet, teleconferenze).

Media


Non sono presenti media correlati