Questo sito contribuisce alla audience di

intertrìgine

sf. [sec. XVI; dal latino intertrīgo-ínis, da terĕre, sfregare]. Dermatosi, detta anche intertrigo, caratterizzata da arrossamento ed essudazione, con sede elettiva nelle pieghe cutanee (ascelle, inguine, ecc.). Insorge di solito nei soggetti obesi, trascurati nell'igiene personale, favorita dall'accumulo delle secrezioni fisiologiche e dallo sfregamento delle superfici cutanee a contatto. Può complicarsi per l'azione di agenti microbici, specie di streptococchi. La cura consiste nel mantenere una scrupolosa pulizia locale. L'intertrigine si riscontra anche nei cani, in cui si osservano arrossamenti, lacerazioni e mucopus. La terapia è esclusivamente locale con accurata pulizia e applicazione di polveri (ossido di zinco, polveri antibiotiche) e pomate all'ittiolo.

Media


Non sono presenti media correlati