Questo sito contribuisce alla audience di

leptina

s.f. [dal greco leptós, sottile]. Ormone polipeptidico codificato dal gene Ob e prodotto dal tessuto adiposo che partecipa al controllo dell'appetito e alla regolazione del peso corporeo nei mammiferi. Il controllo dell'appetito nei mammiferi dipende dai neuroni dell'ipotalamo (una regione del sistema nervoso centrale) che secernono un ormone, il peptide Y, il quale stimola l'animale a mangiare e il pancreas a secernere insulina. Sotto il controllo dell'insulina una parte dei grassi ingeriti viene depositata nel tessuto adiposo. La leptina secreta nel sangue dal tessuto adiposo si lega a un recettore presente sulla membrana dei neuroni ipotalamici e inibisce la secrezione del peptide Y. Pertanto il ruolo della leptina è quello di informare l'ipotalamo della quantità di grasso presente nel corpo: in animali denutriti gli scarsi depositi di tessuto adiposo producono poca leptina e l'ipotalamo stimola la fame la ricerca di cibo); al contrario, in animali ipernutriti gli abbondanti depositi adiposi secernono molta leptina e il comportamento alimentare viene inibito. Poiché ceppi di topi che presentano un difetto nel gene Ob e non producono leptina diventano obesi, si è ritenuto che un difetto nella produzione dell'ormone (o nei suoi recettori ipotalamici) possa essere implicato nell'obesità dell'uomo, specialmente nelle forme familiari associate a ipersecrezione di insulina. Sebbene siano in corso numerosi studi, questa ipotesi deve essere considerata ancora insufficientemente dimostrata.

Media


Non sono presenti media correlati