Questo sito contribuisce alla audience di

mercurocròmo

sm. [da mercurio+greco chrõma, colore]. Denominazione comune del sale sodico della 2,7-dibromo-4-ossimercuri-fluoresceina, composto organico mercuriale dotato di energica azione disinfettante. Si ottiene per trattamento della dibromofluoresceina con acetato mercurico; il prodotto puro contiene il 26% di mercurio. Il mercurocromo si distingue tra i composti mercuriali per la limitata tossicità, tanto da poter essere impiegato oltre che localmente anche per via sistemica. La soluzione acquosa al 2%, di colore rosso vivo, fluorescente, viene adoperata come disinfettante, specie nei Paesi anglosassoni, dove viene largamente preferita alla tintura di iodio. Rispetto a quest'ultima ha il vantaggio di non essere irritante e istiolesiva, ma ha l'inconveniente di tingere tenacemente la cute e la biancheria.

Media


Non sono presenti media correlati