Questo sito contribuisce alla audience di

micologìa

sf. [sec. XIX; mico-+-logia]. Scienza che ha per oggetto lo studio dei caratteri morfologici, fisiologici, biochimici, genetici, ecologici e tassonomici dei Funghi. Sorta a valore di scienza solo verso la fine del sec. XVIII, la micologia ha ben presto raggiunto uno sviluppo di tali proporzioni da rendere necessaria la sua suddivisione in un certo numero di settori specializzati, fra i quali i più importanti sono: la micologia medica, dei funghi patogeni e allergeni; la micologia fitopatologica, che studia le forme fungine dannose per le piante e per i prodotti agricoli e vegetali; la micologia industriale, che si occupa delle svariate attività biochimiche dei funghi, comprese quelle di importanza terapeutica e quindi delle applicazioni industriali e farmaceutiche dei funghi; la micologia agraria, intesa come ecologia dei funghi del suolo, che intervengono in senso utile o dannoso alla mineralizzazione progressiva del terreno agrario e alla degradazione in genere della sostanza organica; la micologia delle specie eduli e velenose, che si occupa delle specie superiori da utilizzare nell'alimentazione.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti