Questo sito contribuisce alla audience di

minstrel show

loc. inglese (propr. spettacolo di menestrelli). Genere di teatro musicale sorto negli USA nel sec. XIX. Trae origine dai Negro songs fioriti in USA e Inghilterra nella seconda metà del sec. XVIII, in cui un nero in schiavitù descriveva la sua triste condizione. Ai primi dell'Ottocento tali canzoni, da sentimentali, divennero caricaturali: attori bianchi con la faccia annerita divertivano il pubblico imitando gesti, danze, abiti, dialetto dei neri. Nel 1829 Thomas Darmouth Rice ideò la macchietta di Jim Crow, ispirata a una fonte popolare, e prototipo della canzone minstrel. Nel 1843 quattro bianchi, i VirginiaMinstrel, misero in scena il primo minstrel show completo. Era diviso in tre parti: una con canzoni e sketch, una (olio) con pezzi solistici e cori, e un finale (walk around) con tutti insieme a cantare e ballare. I minstrel componevano canzoni ispirandosi al folclore nero e bianco, e suonavano violino, banjo, nacchere e tamburelli. Le compagnie più celebri (come i Christy Minstrel) girarono il mondo. Geniale autore di canzoni minstrel fu Stephen Collins Foster. Dopo il 1865 i neri liberati entrarono nel minstrel show trasformandolo: le compagnie maggiori avevano un'intera orchestra, e il repertorio includeva anche musica classica; alcune di esse sopravvissero fino al 1950. Massimi artisti del minstrel show nero furono James Bland, Gussie Davis e Sam Lucas. Tra i bianchi, eredi del minstrel show nella rivista e nel cinema furono Eddie Cantor e Al Jolson.