Questo sito contribuisce alla audience di

narcòsi

sf. [sec. XIX; dal greco nárkōsis, torpore]. Anestesia chirurgica totale. Narcosi da azoto, o sindrome neuropsichica da profondità: è una situazione similnarcotica, conseguente a respirazione di aria compressa a elevata pressione ambientale. Il meccanismo d'azione dei gas inerti, nel provocare tali fenomeni, è complesso e legato a vari fattori, di cui il più importante è la solubilità del gas nei grassi.La condizione medica di una persona che respira aria compressa a pressioni superiori a 5 ATA (atmosfere di azoto), pari a circa 35 m di profondità, è simile alla prima fase di un'anestesia generale.La sindrome può manifestarsi già a profondità ridotte, dai 30- 35 metri, per poi peggiorare a profondità maggiori.Insorge in maniera molto subdola, con sensazione di benessere, eccitazione, a volte ebbrezza simile a quella da alcol; successivamente si ha difficoltà di coordinamento e di concentrazione, aumento della frequenza respiratoria, tachicardia, ronzi auricolari e disturbi della visione fino a un vero e proprio stato allucinatorio e infine modificazioni comportamentali gravissime. Ai gradi estremi cominciano a comparire i sintomi di uno stato narcotico conclamato: perdita di coscienza, depressione del respiro, alterazioni cardiache, fino all'insufficienza cardiorespiratoria.Nelle forme meno gravi è sufficiente fare diminuire la quota di profondità al subacqueo in narcosi, anche di pochi metri, per far regredire completamente i sintomi. Nei casi più gravi, in cui è in atto un'insufficienza cardiorespiratoria legata all'acidosi, e con perdita di coscienza, è indispensabile mettere in atto tutte le manovre rianimatorie necessarie già durante la risalita, e cercare di ripristinare i parametri vitali ristabilendo una ventilazione e un'ossigenazione valide, usando il tasto di emergenza dell'erogatore per simulare una respirazione a pressione intermittente; giunti in superficie bisogna dare immediatamente inizio alla rianimazione cardiopolmonare in attesa del personale medico del 118 o del raggiungimento dell'Ospedale più vicino.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti