Questo sito contribuisce alla audience di

nocardiòsi

sf. [da Nocardia+-osi]. Malattia infettiva che colpisce quasi elettivamente i polmoni, provocata da alcune specie di batteri appartenenti al genere Nocardia quali Nocardiosi asteroides, Nocardiosi brasiliensis e Nocardiosi caviae. L'infezione, che viene contratta per via aerea, si riscontra più frequentemente in soggetti con malattie croniche debilitanti (per esempio neoplasie) oppure affetti da preesistenti malattie polmonari. In alcuni casi particolarmente severi, oltre a uno stato di profonda stanchezza e di malessere, si può avere una diffusione ematogena dei germi al cervello e alle meningi che si accompagna a cefalee, torpore psichico e vertigini. La diagnosi richiede l'isolamento in laboratorio del germe nell'escreato, che può essere purulento. La terapia più efficace è a base di sulfamidici ed è di lunga durata. La prognosi dipende strettamente anche dalle condizioni generali preesistenti alla comparsa della malattia.

Media


Non sono presenti media correlati