Questo sito contribuisce alla audience di

non liquere

loc. latina (propr., non essere chiaro). Nel diritto romano, rifiuto del giudice privato o del componente una quaestio a pronunziarsi in merito a una causa, per mancanza o insufficienza di elementi. Nel primo caso (processo privato) le parti dovevano procedere alla scelta di un nuovo giudice, nel secondo (processo pubblico) si rinnovava eventualmente il dibattimento (ampliatio).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti