Questo sito contribuisce alla audience di

ocronòsi

sf. [sec. XX; dal greco ōchrós, giallo+nósos, malattia]. Disturbo del ricambio delle sostanze proteiche che si manifesta con la colorazione bruno-nerastra delle cartilagini, dei tendini, delle guaine tendinee, delle sclere, della cute e anche dell'intima dei vasi, dell'endocardio, della dura madre, della muscolatura liscia. L'ocronosi è determinata da accumulo intracellulare di un pigmento simile alla melanina.

Media


Non sono presenti media correlati