Questo sito contribuisce alla audience di

orìgano

sm. [sec. XIV; dal latino origănum, che risale al greco oríganon, da óros, monte, e gános, splendore]. Nome comune usato per indicare la pianta aromatica Origanum vulgare della famiglia Labiate, detta anche regamo, propria dell'Europa e dell'Asia, frequente nei luoghi selvatici. È un'erba perenne con rizoma strisciante e fusto ramoso alto 20-70 cm. Le foglie sono opposte, ovali od oblunghe, brevemente picciolate, glabre o pelose, generalmente crenulate; i fiori sono rosei, labiati, piccoli, in spighe ovoidali od oblunghe formanti una pannocchia; i frutti sono capsule contenenti piccoli semi. § L'origano è una fra le erbe aromatiche più intense e dal gusto inconfondibile, comune nella cucina di tutti i Paesi mediterranei. È utilizzato in numerose preparazioni (dalla pizza alla salsa di pomodoro), ai piatti di pesce (fra cui il classico pescespada al salmoriglio siciliano). Gli si riconoscono anche proprietà digestive, stimolanti, medicinali.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti