pancreatina

sf. [sec. XIX; da pancreat(ico)+-ina]. Preparato opoterapico che si estrae dal pancreas di maiale o di bue. È costituita da una miscela di enzimi pancreatici che intervengono nella digestione dei carboidrati, delle proteine e dei grassi alimentari. Trova impiego in terapia sotto forma di pillole o di capsule cheratinizzate negli stati di insufficienza funzionale del pancreas esocrino.

Collegamenti