Questo sito contribuisce alla audience di

paràmetro

sm. [sec. XIX; para-+-metro, sul modello del francese paramètre].

1) In matematica, quantità variabile in modo generico che figura in equazioni, sistemi, formule, ecc., che può assumere tutti i valori del campo reale o del campo complesso.

2) Fig., criterio di valutazione, punto di riferimento. In particolare, in statistica, misura di un fenomeno calcolata su tutte le unità dell'universo. § Le equazioni che contengono un parametro sono dette equazioni parametriche. Di solito si risolvono imponendo al parametro soluzioni che soddisfino determinate condizioni. Per esempio, si determini quale valore deve assumere il parametro m nell'equazione di 2º grado x²-(m-1) x-3m-2=0 perché le due soluzioni siano uguali. Poiché deve essere il discriminante Δ=0, è (m-1)+4(3m+2)=0, cioè m=1, oppure m=9. § In geometria, parametro di una conica è il numero p che compare nell'equazione della conica in coordinate polari: , in cui e è l'eccentricità della conica. In particolare, nella parabola è la distanza del fuoco dalla direttrice. § In informatica, informazione fornita a una subroutine, procedura o funzione. La descrizione di una procedura prevede l'impiego di parametri formali (simboli, nomi, ecc.) per identificare dati che originano in altra parte del programma e che sono resi disponibili (parametri attuali: valori o indirizzi dei dati) all'atto dell'esecuzione, contestualmente all'operazione di chiamata della procedura. § In fisica terrestre, il parametro sismico, indicato con la lettera Φ, è dato dalla relazione tra il modulo di compressibilità k e la densità ρ secondo la formula Φ=k/ρ.