Questo sito contribuisce alla audience di

patàgio

sm. [sec. XIX; dal latino patagíum, frangia]. Duplicatura cutanea che si sviluppa su ambo i lati del corpo di alcuni mammiferi, consentendo loro il vero volo o il volo planato. Si distinguono due tipi diversi di patagio: nei Chirotteri il patagio, che è per lo più nudo o solo ricoperto da peluria, forma una vera membrana alare, che si estende per gran parte della superficie del corpo, e comprende tre regioni: propatagio, anteriore al braccio, plagiopatagio o parte principale, estendentesi tra gli arti e il tronco, includendo l'ala, e uropatagio, nella regione caudale. Negli altri gruppi (alcuni marsupiali della famiglia Falangeridi, i Dermotteri, nonché i roditori della famiglia Anomaluridi e degli Sciuridi Petauristini) il patagio consta semplicemente di una duplicatura cutanea estendentesi su ambo i lati del corpo dagli arti anteriori ai posteriori, talora inglobante parte della coda. Questo tipo di patagio consente solo voli planati e non forma una vera membrana alare.