Questo sito contribuisce alla audience di

piètra fungàia

fungo (Polyporus tuberaster) appartenente alla divisione Basidiomiceti (famiglia Polyporaceae). Ha corpi fruttiferi commestibili, variabili per forma e dimensioni, con gambo, cappello e strato imenoforo a tubuli e cappello depresso, color cannella chiaro, lanuginoso o squamoso; sovente il cappello si sviluppa poco o male, per cui il corpo fruttifero del fungo appare di aspetto informe simile a un turione di asparago: in tal caso la fruttificazione è sterile. Il micelio del fungo, perenne, di solito forma un ammasso di ife compatte (sclerozi), le quali inglobano corpi estranei (terriccio, frammenti di legno e altri residui fra i più vari), dando luogo alla formazione di un corpo indurito simile a una pietra (può pesare anche diversi chilogrammi) che, trasportato in ambiente adatto, fruttifica regolarmente. La pietra fungaia cresce nei boschi dell'Italia centro-meridionale; un tempo era oggetto di raccolta quale mezzo di coltivazione domestica dei funghi. Oggi è ancora diffusa in Asia orientale.