Questo sito contribuisce alla audience di

psicastenìa

(meno comune psicoastenìa), sf. [sec. XX; da psico-+astenia, sul modello del francese psychasthénie]. Termine generico, coniato da P. Janet, con cui si indicano le forme nevrotiche caratterizzate soprattutto da depressione, abulia, incapacità di concentrarsi, insonnia. Il termine psicastenia, benché conservato da molti psicologi soprattutto francesi, non è ritenuto valido dalla maggior parte degli studiosi degli altri Paesi che considerano le manifestazioni di tale malattia come reazioni rientranti nel quadro clinico di determinate nevrosi e psiconevrosi.