Questo sito contribuisce alla audience di

rèdditi, dichiarazióne dei-

atto formale mediante il quale il contribuente comunica all'Amministrazione finanziaria la propria posizione creditoria o debitoria in relazione alle imposte cui è soggetto. Relativamente alle imposte sul reddito il contribuente è tenuto a presentare annualmente la dichiarazione dei redditi tra il 1° maggio e il 30 giugno utilizzando il mod. Unico o il mod. 730 se persona fisica; il mod. 750 se società di persone, entro un mese dall'approvazione del bilancio o del rendiconto o dal termine stabilito per l'approvazione; il mod. 770 se società di capitali. Per i contribuenti obbligati alla tenuta della contabilità IVA è obbligatoria la presentazione, tra il 1° febbraio e il 15 marzo di ciascun anno, della dichiarazione relativa all'imposta sul valore aggiunto dovuta per l'anno solare precedente, redatta in conformità al modello approvato con apposito decreto dirigenziale. I sostituti di imposta che non sono tenuti alla presentazione della dichiarazione unificata annuale presentano la dichiarazione tra il 1° e il 30 aprile di ciascun anno per i pagamenti fatti nell'anno solare precedente. Sono considerate valide le dichiarazioni presentate entro trenta giorni dalla scadenza dei termini, salva restando l'applicazione delle sanzioni amministrative per il ritardo. Le dichiarazioni dei redditi, dell'imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e la dichiarazione dei sostituti di imposta possono essere integrate per correggere errori od omissioni mediante la presentazione all'amministrazione finanziaria di una successiva dichiarazione. La dichiarazione dei redditi viene presentata gratuitamente all'amministrazione per il tramite di una banca o di un ufficio delle Poste italiane S.p.A. convenzionate o mediante spedizione dall'estero a mezzo raccomandata, o altro mezzo equivalente, dal quale risulti con certezza la data di spedizione. La dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è consegnata dal contribuente alla banca o all'ufficio postale oppure dalla trasmissione all'amministrazione in caso di impiego di procedure telematiche. La riforma delle modalità di presentazione delle dichiarazione è stata attuata tramite il decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, che ha semplificato gli adempimenti dei contribuenti e ha modernizzato il sistema di gestione delle dichiarazione, e con il decreto del presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, con il quale sono state stabilite le modalità per la presentazione delle dichiarazioni. Dal 2001 è possibile presentare la dichiarazione ed effettuare i versamenti via Internet.

Media


Non sono presenti media correlati