Questo sito contribuisce alla audience di

radiale²

agg. [da radio (anatomia e zoologia)].

1) In anatomia, relativo al radio: margine radiale; vasi radiali; arteria radiale, ramo laterale dell'arteria omerale che scorre tra i muscoli anteriori dell'avambraccio, dalla piega del gomito al palmo della mano, dove forma l'arcata palmare profonda anastomizzandosi con l'arteria ulnare; nella regione del polso diventa superficiale e, mediante palpazione digitale, è possibile apprezzarne le pulsazioni (polso radiale); nervo radiale, uno dei rami terminali del plesso brachiale, formato da fibre del 6º, 7º, 8º nervo cervicale, che, attraversata la regione ascellare, percorre tutto il braccio per poi biforcarsi all'altezza del gomito; si suddivide quindi in otto rami, di cui alcuni sono cutanei, altri muscolari; provvede all'innervazione della muscolatura della regione postero-mediale del braccio e di quella dorsale e laterale dell'avambraccio nonché alla sensibilità cutanea di parte della regione dorsale dell'intero arto superiore e di gran parte della metà radiale della mano; vene radiali, raccolgono il sangue refluo dalle arcate venose della mano e lo portano alle vene brachiali, seguendo in senso inverso il decorso dell'arteria omonima.

2) In biologia, simmetria radiale, lo stesso che raggiata; posizione radiale, cioè lungo un raggio (negli organismi a simmetria raggiata, per esempio i canali radiali degli Echinodermi e i setti mesenterici dei Celenterati).

Media


Non sono presenti media correlati