Questo sito contribuisce alla audience di

radiochirurgìa

sf. [sec. XX; radio-+ chirurgia].

1) Intervento chirurgico attuato per introdurre preparati radioattivi (per esempio aghi) nel contesto di tessuti da irradiare o in cavità naturali, patologiche o preparate, che si effettua in caso di neoplasie maligne, di alcuni processi infiammatori e di varie disendocrinie.

2) Impiego dell'indagine radiologica durante un normale intervento chirurgico; è di corrente applicazione quando si debbono individuare o estrarre numerosi corpi estranei, quali schegge metalliche, proiettili, ecc.

Media


Non sono presenti media correlati