Questo sito contribuisce alla audience di

regolare (verbo)

v. tr. (ind. pr. règolo) [sec. XIV; dal latino tardo regulāre, da regŭla, regola].

1) Sottoporre a regola, far procedere nel modo voluto, disciplinare: regolare il corso di un fiume; regolare la circolazione degli autoveicoli. Per estensione, guidare, dirigere, governare, specialmente con riferimento a leggi giuridiche, a norme morali: i principi che regolano il moto degli astri; la vita sociale è regolata da un complesso di leggi, di norme, di consuetudini.

2) Ridurre nei giusti limiti, nella misura più opportuna; moderare: regolare la velocità, la pressione, i consumi;regolare i capelli, tagliarli leggermente. In particolare, controllare, frenare: regolare i propri impulsi; rifl., controllarsi, moderarsi, sapersi limitare: regolarsi nel bere, nelle spese. Per estensione, comportarsi nel modo più conveniente, adatto alle circostanze: non so mai come regolarmi con lui.

3) Modificare il funzionamento di un apparecchio, di un meccanismo in modo da ottenerne una prestazione migliore: regolare una valvola;regolare la fiamma del gas, abbassarla leggermente; regolare il binocolo, metterlo a fuoco; regolare l'orologio, metterlo sull'ora esatta.

4) Sistemare nel modo migliore, mettere in ordine: prima di partire ha regolato tutti i suoi affari. In particolare, liquidare, pagare: regolare i propri debiti, un conto;regolare i conti con qualcuno, fig., dargli la lezione che si merita. Nel gergo sportivo, in particolare nel ciclismo, battere gli avversari proprio sulla linea del traguardo.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti